Amo questo corpo

Amo questo corpo
Amo questo corpo Amo questo corpo. Amo il suo stare ostinato e dignitoso di fronte al dolore. Accolgo i segni del tempo che passa e l’incapacità di rifiorire. Amo queste cicatrici e tutti i segni della pena cui è costretto. Mi inteneriscono i lividi, gli spasmi, le contratture. Amo il modo in cui anela ad un tocco, una carezza, al sollievo. Abbraccio questo corpo per consolarlo. Lo abbraccio perché siamo viandanti nello stesso cammino. Amo questo corpo e la sua sete di vita, il suo vigore che continua ...

Gli eroi che conosco

Gli eroi che conosco
Gli eroi che conosco Ci sono persone che quotidianamente compiono atti eroici di cui la maggior parte di noi non sa nulla. Sono madri, padri, sorelle, fratelli di persone con grandi difficoltà. Sono uomini e donne umili che prestano la loro vita al servizio di altri. Compiono gesti che ai più risultano impensabili e lo fanno con grande spirito di adattamento e di accettazione. Non finiscono sui giornali né rilasciano interviste nei salotti televisivi. Oggi il mio pensiero va a Franco, che ci ha lasciati, e a Vittoria continua ...

Leggerezza

Leggerezza
Leggerezza Ascoltavo le parole di una bellissima canzone di Elisa stamattina finché ero in macchina, gustandomi i colori dell’autunno. Io, se solo sapessi dov'è, dove ho perso tutto il coraggio, la grazia che ho imparato, l'amore che avevo dentro. (Elisa – Un filo di seta negli abissi) La canzone parla di un legame che si perde ma non è questo ciò che mi ha catturata. In questi giorni è ricorrente le sensazione di aver perso il filo. Mi sono chiesta spesso dove sono finiti l’entusiasmo, il continua ...

La vita sognata

La vita sognata
Oggi mi gira per la testa questa canzone. Un inno un po' malinconico a ciò che non c'è più e a ciò che non è stato. Un ricordo tenero delle cose belle accadute e desiderate. Un modo leggero per ricordare che non tutto va come vorremmo ma che arriveremo in fondo incontrando tante cose inattese!  

Ridare vita

Ridare vita
Ridare vita Anche oggi ho in mente una storia, una di quelle che servono a ricordarmi che le nostre fatiche sono proprio ciò che ci  permettono di ridare vita... C'è una vecchia che vive in un luogo nascosto che tutti conoscono ma pochi hanno visto, pare in attesa di che si è perduto, di vagabondi e cercatori. E' circospetta, spesso pelosa, sempre grassa, e desidera evitare la compagnia. Emette suoni più animaleschi che umani. Dicono che viva tra putride scarpate di granito nel territorio indiano di Tarahumara. continua ...